Cosa si intende per adorazione

La parola “adorazione” comprende tutto quel che Allah ama e approva fra parole e azioni che ha ordinato o raccomandato. Questo sia che si tratti di azioni esterne come la preghiera, l’elemosina rituale, il pellegrinaggio o di azioni interne, come l’amore per Allah ed il Suo Messaggero (pace e benedizioni di Allah su di lui), il timore di Allah, la fiducia in Allah, ecc.

 

L’adorazione in ogni aspetto dell’esistenza:

L’adorazione riguarda ogni atto del credente, a condizione che ogni atto venga inteso come mezzo per avvicinarsi ad Allah l’Altissimo. Dal punto di vista islamico quindi l’adorazione non è ristretta agli atti di culto come la preghiera, il digiuno e simili. Ogni azione utile, accompagnata dalla retta intenzione e dallo scopo giusto, diventa una forma di adorazione, per cui si ottiene la ricompensa divina. Se ad esempio il musulmano beve o mangia o dorme, desiderando con ciò rinforzare la sua obbedienza ad Allah, egli sarà per questo ricompensato da Allah. Per questo la vita del musulmano è tutta dedicata ad Allah: mangia per accrescere la sua obbedienza ad Allah, quindi mentre si nutre compie un atto d’adorazione; si sposa per evitare di cadere nel peccato, quindi il suo matrimonio diventa un atto d’adorazione. Per mezzo di questa stessa intenzione il suo commercio, il suo lavoro, il suo guadagno diventa una forma di adorazione per Allah, come lo studio e la ricerca, le scoperte e le invenzioni, l’affetto e la cura coniugale e verso i figli e la casa. Così ogni aspetto dell’esistenza, ogni azione positiva se accompagnata dalla retta intenzione e finalizzata al giusto scopo, diventa adorazione per Allah l’Altissimo.

L’adorazione è la ragione che sottende tutta la creazione:

Ha detto Allah l’Altissimo: {Non ho creato i jinn e gli uomoni se non affinché Mi adorassero. Non chiedo loro nessun sostentamento e non chiedo che Mi nutrano. In verità Allah è il Sostentatore, il Detentore della forza, l’Irremovibile} (Corano 51, 56-58). Allah ci ha così informato che la ragione per la creazione dei jinn e degli esseri umani è che essi Lo adorino. Allah non ha bisogno alcuno della loro adorazione. Sono invece jinn e uomini ad aver bisogno di adorarLo, per il loro stato di dipendenza verso Allah.

Se uno trascura questo nobile scopo e si abbandona ai piaceri di questa vita terrena, senza ricordare la vera ragione divina della sua esistenza, allora diventa come un’altra creatura qualunque fra le creature di questo pianeta. Anche gli animali mangiano e seguono le loro passioni, ma – diversamente dall’uomo – essi non verranno giudicati nella vita futura. Allah l’Altissimo ha detto: {Coloro che non credono avranno effimero godimento e mangeranno come mangia il bestiame: il Fuoco sarà il loro asilo} (Corano 47, 12). Chi si comporta così non fa che assomigliare agli animali, salvo che dovrà rispondere dei suoi atti poiché possiede l’intelletto che gli animali non possiedono.

I pilastri dell’adorazione:

L’adorazione che Allah ha comandato si basa su due principi fondamentali 0

La totale umiltà e il timore verso Allah

L’amore totale per Allah l’Altissimo

L’adorazione che Allah ha prescritto comporta la completa umiltà del servitore nei confronti di Allah, la sua sottomissione ed il timore insieme all’amore, alla speranza e al desiderio di avvicinarsi a Lui.

In questo senso l’amore che non si accompagna all’umiltà ed al timore di Allah – come l’amore per il cibo e le ricchezze – non è adorazione. Allo stesso modo il timore senza amore per Allah – come la paura per un animale feroce o per un dittatore – non è adorazione. Quando si riuniscono amore e timore per Allah in una stessa azione, questa diventa adorazione. Tale adorazione non può avere altro scopo che Allah.

Condizioni dell’adorazione:

Ci sono due condizioni per la validità e l’accettazione dell’adorazione:

 

La sincera dedica ad Allah, senza nulla associarGli

L’adesione e conformità alla sunnah del Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui)

Ha detto l’Altissimo: {Coloro che sottomettono ad Allah il loro volto e compiono il bene, avranno la ricompensa presso il loro Signore, non avranno nulla da temere e non saranno afflitti} (Corano 2, 112).

“sottomettono ad Allah il loro volto” significa: “hanno realizzato l’Unicità divina, quindi hanno reso la loro adorazione sincera per Allah”.

“e compiono il bene” significa che seguono la legge divina e la sunnah del Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui)

L’adesione alla sunnah del Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) riguarda gli atti di culto in senso stretto, come la preghiera, il digiuno, l’invocazione e il ricordo di Allah. Essa non riguarda invece l’adorazione in senso ampio, come gli usi e le azioni che il servitore dedica ad Allah attraverso la sua retta intenzione, come la pratica sportiva per incrementare l’obbedienza ad Allah o il commercio per sostenere la famiglia. In tali casi è sufficiente non agire in modo vietato o contrario alla sunnah.