L’Islam – religione di vita

L’Islam: religione di vita

La religione islamica stabilisce un equilibrio fra la vita terrena e quella ultraterrena. La vita terrena è un campo che il musulmano coltiva con le sue buone azioni in ogni aspetto della vita, per raccoglierne la ricompensa in questa vita ed in quella futura. Ciò richiede un atteggiamento positivo nella vita, forte determinazione e risolutezza; tali qualità si rivelano tramite:

Il popolamento della terra:

Ha detto l’Altissimo: {Lui vi ha creato dalla terra e ve l’ha fatta popolare} (Corano 11, 61). Allah ci ha creato in questa terra e ci ha ordinato di abitarla e svilupparla costruendo una civiltà al servizio dell’uomo, in armonia con la legge islamica. Anzi Allah ha reso la civilizzazione e lo sviluppo tra gli scopi della religione e parte degli atti di culto, anche nelle situazioni più difficili. In questo senso il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) ci ha detto che se giungesse l’Ora finale ed il musulmano fosse in procinto di piantare una pianta, dovrebbe affrettarsi a piantarla se gli riuscisse, giacché questa sarebbe contata per lui come una buona azione (Al Musnad, 2712).

La vita sociale:

L’Islam invita alla socializzazione per lo sviluppo della civiltà, l’accordo, la vita comune, i rapporti con gli altri, il perfezionamento del carattere e del comportamento, nella diversità di culture e religioni. Ugualmente l’Islam mette in guardia dall’isolamento e allontanamento dalla gente: non è questa la via di quanti invitano all’Islam e predicano il bene. A tal proposito il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) ha insegnato che chi sta fra la gente e sopporta con pazienza i mali che ne derivano è migliore di quello che si isola allontanandosi dalla gente (Ibn Majah, 4032)

Religione della conoscenza:

 L’Islam non ha mai conosciuto la lotta fra religione e scienza, come avvenuto in altre religioni

Non è un caso che la prima parola del Corano rivelata al Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) sia stata: “Leggi”. L’Islam ha costantemente incoraggiato ogni tipo di scienza utile all’umanità; al punto che la ricerca del musulmano verso la conoscenza rappresenta per lui una via verso il Paradiso. Così infatti ha detto il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui): “A chi percorre una via per cercare la conoscenza, Allah facilita la via verso il Paradiso” (Ibn Hibban, 84).

In effetti l’Islam non ha mai conosciuto conflitto fra religione e scienza, come avvenuto in altre religioni. Esattamente all’opposto, la religione islamica ha sempre sostenuto la scienza ed il suo insegnamento, fin tanto che questa serva il bene dell’umanità.

L’Islam ha onorato il rango del sapiente e di chi insegna alla gente e la guida, riservandogli eccezionali ricompense. Il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) ha insegnato che tutte le creature invocano il bene per colui che impartisce la conoscenza ad altri (At Tirmidhi, 2685).